Confortato e stimolato dall'ingresso nell'era digitale, ho voluto, nei primi mesi di quest'anno effettuare una verifica in situ et de visu delle anse, delle piccole golene e del ricco territorio che accoglie l'alveo del fiume Zero. Un fiume che percorre la pianura veneta dai dintorni di Castelfranco Veneto fino alla sua confluenza con il Dese dalle parti di Quarto d'Altino. Dieci anni fa, condizionato da una più "impegnativa" attrezzatura analogica, avevo già percorso i suoi argini traendone una serie in bianconero già presente in FOTOlogie (http://www.fotologie.it/zero.html). O.09 è solo il primo capitolo di una più ampia ricerca sulla fitta trama di fiumi che percorre la regione. A seguire sarà pubblicata la serie riguardante il Livenza mentre è appena iniziata la ricerca che interesserà il Tagliamento. Il costante interesse per gli ambienti fluviali attende, parallelamente all'indagine fotografica, una rilettura alla luce dei significati archetipici, nascosti o palesi che siano. (l.t.)