A distanza di vent'anni ho ripercorso, in compagnia della mia macchina fotografica, e di una certa, inspiegabile, dose di nostalgia le strade del "quartiere" di Pescara in cui sono nato e cresciuto. Dedico questa prima serie di immagini a tutti coloro che hanno condiviso con me i giochi nei campetti del bambino e i primi entusiasmi dell'adolescente, ma anche agli "impavidi" che, con notevoli difficoltà, stanno cercando di "ricostruire" ciò che resta di un tessuto sociale disgregato e distratto...

A mio padre, mia madre ed alla Zia Nella...
progetti & prodotti
fotologie