L’INDAGINE FOTOGRAFICA
Volti, piccole storie, paesaggi. Volti: come testimonianza degli incontri, avvenuti a volte attorno al tavolo nelle loro case, oppure in cantiere, oppure ancora all’aperto… magari bevendo vino, sempre amabilmente chiacchierando. Principalmente primi piani, per poter guardare in faccia queste persone. Le storie, piccole, rispondo ad una domanda “se e come il territorio ti ha trasformato”, che via via è mutata in “come si è trasformato il territorio”. Queste storie, queste domande, sono qui riportate senza alcuna velleità narrativa per ritrovare il più possibile il flusso dialogante; servono a rimandare tutto alla laguna, seguendo un percorso gestaltico tra figura e sfondo, dove i tre elementi del reportage si muovono, si scambiano, si interconnettono. Per i paesaggi mi sono fatto attrarre da quelli che ho ritenuto inconsueti, anomali, ma soprattutto prossimi alle persone ritratte: prossimi per contiguità spaziale, prossimi per attività specifiche della persona ritratta. Certo, devo ammettere che qualche concessione cartolinesca l’ho presa: caldo sole primaverile, case colorate, cielo blu… come rinunciare a scattare. Più in generale, il criterio scelto è stato quello della prossimità, rizomatica: come dicevo, per l’accostamento ritratto paesaggio, ma anche nel contattare le persone da ritrarre, “ma tu conosci qualcuno dell’isola che voglia farsi ritrarre?” Alcuni, pochi hanno declinato l’invito, altri pur accettandolo hanno avuto preferenza di dire alcunché. (Giorgio Bombieri)

Territori lenti è un progetto prodotto e curato dall’Istituzione “Parco della Laguna”, con la collaborazione della Municipalità di Venezia, Murano e Burano, che ha l’ambizione di tenere insieme valenze sia estetiche sia conoscitive del territorio lagunare. Il risultato è un reportage foto-cartografico proposto in forma di immagini di volti e di paesaggi (52 pannelli firmati da Giorgio Bombieri e collocati al piano terra e al primo piano della Torre Massimiliana di Sant’Erasmo, con alcuni richiami all’isola della Certosa) e 6 mappe elaborate da Emanuel Lancerini, in cui sono tracciati i primi passi per la rappresentazione delle popolazioni lagunari, partendo soprattutto dagli abitanti, ossia quella categoria che gli strumenti della conoscenza sociologica e demografica “vedono” con una certa precisione, ma ricercando anche altri e diversi soggetti protagonisti di questo territorio.

La mostra rimarrà aperta all'interno della Torre Massimiliana di Sant'Erasmo dal 14 giugno al 17 agosto 2008, da mercoledì a venerdì 15.00/19.00, sabato e domenica 11.00/19.00. Ingresso E 3 intero - E 2 ridotto – gratuito residenti. Catalogo GENESI - info: www.parcolagunavenezia.it Tel. +39 0412444142

FOTOlogie
Genius Loci