Questa serie nasce dall'incontro tra l'autore e Grugliasco: una piccola città operaia situata ai confini occidentali di Torino. Nell'arco di otto mesi del 2008, Fulvio Bortolozzo ha percorso l'intero territorio comunale mettendo in atto le procedure operative di Scene di passaggio (Soap Opera): il suo grande progetto autobiografico, dal quale era già stata estratta nel 2006 la serie Olimpia, dedicata alle trasformazioni urbanistiche torinesi. La contemplazione distaccata dell'ambiente di Grugliasco, favorita dall'uso di una fotocamera a pellicola di grande formato (10x12 cm), ha consentito all'autore di selezionare punti di osservazione dai quali poter ottenere tracce ottiche al contempo descrittive dei luoghi, ma anche restitutive dell'esperienza personale che ne andava facendo. “Un habitat italiano” si innesta, attualizzandola, nella tradizione della fotografia di luoghi avviata dai New Topographers americani negli anni '70 e proseguita in Italia dalla generazione dei fotografi gravitanti attorno alla figura capostipite di Luigi Ghirri negli anni '80-'90.

Fulvio Bortolozzo è nato nel 1957 a Torino, dove vive e lavora.

A partire dagli anni '80 espone serie fotografiche, prevalentemente dedicate ai luoghi, in varie mostre collettive e personali. Nel 2003 la serie Non vedo altre strade (2002) viene premiata al concorso La Provincia di Milano e il suo territorio. Nel 2005 la serie Olimpia vince in Italia il Premio Fotosintesi. Nel 2006 sue opere vengono selezionate per Suoni e Visioni, mostra internazionale dedicata agli ultimi cinquant'anni di fotografia italiana. Nel 2009 la serie Scene di passaggio (Soap Opera) partecipa al Progetto Jpeggy (Telecom Italia – A.M.A.C.I). Nel 2011 la serie Un habitat italiano viene presentata alla seconda Biennale di videofotografia contemporanea di Alessandria. Nel 2012 la serie Scene di passaggio (Soap Opera) è presente alla quinta Biennale d'Arte moderna e contemporanea del Piemonte.

Sito personale: www.bortolozzo.net

Edizione On Demand (http://www.blurb.com/b/1436586-un-habitat-italiano)
Formato: 25x20 cm; 120 pagg.; 70 fotografie a colori. Testo in Italiano, Inglese e Francese.