L’associazione Culturale Feudo Ron Alfrè ha indetto ed organizzato  EXAREA, primo concorso fotografico sul tema della archeologia industriale. L’idea di realizzare un concorso fotografico dedicato all’archeologia industriale nasce dallo studio della piana del fiume Sele, che, in provincia di Salerno, da Battipaglia si estende verso sud fino a Paestum. Il legame profondo con le nostre radici ci ha portato a studiare ed approfondire la storia antica e recente del nostro territorio, concentrando la nostra attenzione sulla sua vocazione agricola, un rapporto, quello con la terra, che è stato ed è al tempo stesso privilegio, fertilità, ricchezza ma anche fatica, dolore, fallimento. Dall’inizio del ‘900 fino quasi alla fine del secolo è stata, fra le tante, la coltivazione del tabacco, a lasciare tracce architettoniche importanti. Insediamenti che sono ancora presenti sul territorio in condizioni di abbandono quasi totale ma che conservano intatto il fascino che la storia ha impresso su queste aree che un tempo erano un intenso brulicare di attività umana. Tutto il territorio, italiano ed europeo, è disseminato da strutture, ora abbandonate, che raccontano la storia del lavoro dell’uomo. Realtà diverse tra loro: le grandi aree urbane connotate da insediamenti industriali abbandonati, ma anche ex aree ospedaliere, stazioni ferroviarie, luoghi altrettanto importanti sotto il profilo storico, antropologico ed economico.

La giuria del Concorso, composta da: Marina Dragotto, rappresentante di AUDIS; Aniello Barone, fotografo napoletano e docente di fotografia all'accademia per Belle Arti di Napoli; Alfonso Di Muro, docente in storia dell'arte presso il liceo Tasso di Salerno; Pio Peruzzini, fotografo salernitano; Salvatore Lembo, fotografo salernitano; Paolo Peduto, docente universitario presso l'Università degli studi di Salerno; Geremia Paraggio, giornalista e presidente dell'associazione culturale Feudo Ron Alfrè, Luigi Polini, architetto salernitano, ha scelto, a suo insindacabile giudizio, tra le oltre 400 immagini (di 116 autori diversi) le foto vincitrici dei 4 premi e le foto menzionate che qui di seguito presentiamo:

sito ufficiale: http://www.exarea.it