Ny è una città  che non si  racconta facilmente e per un fotografo è ancora più difficile riuscire a dire con le parole ciò che con fatica riesce ad esprimere attraverso le immagini.
La visitavo  in sogno quando ero bambina e  mi sono rivista,  come allora,  piccola piccola con lo sguardo, curioso e stupito, rivolto verso l’alto. Tra le sue larghe  strade, tra i grattacieli e le sue case in un’armonica convivenza di vecchi edifici e nuove trasparenze e  con le tante luci che ci confondono si ha la sensazione di trovarsi al centro del mondo, in una dimensione di imponente verticalità, così come è profonda la percezione di un vivere molto deciso, dinamico, forse frettoloso. Le persone si muovono a passo veloce  mentre  il giallo dei tanti taxi tinge di colore la scena in cui si immerge un turista che invece vuol godere tutto con gioiosa lentezza.
Ny  è così, come rappresentata nell’iconografia cinematografica, come vista alla TV, nei poster eppure trovarsi lì suscita una sensazione emozionante. Sembra  di vivere con la musica di Gershwin nelle orecchie  camminando  dentro  uno dei primi film di Woody Allen. L’ho vista così questa NY, con l’animo appagato e la suggestione  di una bambina che finalmente riesce a sfiorare  un  suo sogno! (Paola Casali - www.pfcimmagini.it)

FOTOlogie Genius Loci