Ho percorso, a più riprese, gli argini che delimitano questo ampio territorio "dove non stridono voci umane, non sfrecciano automobili, e quasi sempre il silenzio e la solitudine acquistano uno spessore sconosciuto, perfino inquietante!" (E. Rea)